Il Teatro

Home / Il Teatro

La magia nel teatro

Il teatro è ricerca. E’ come essere degli esploratori che ricercano la strada più adeguata per la propria personale evoluzione. In questo cammino la scoperta di nuove sensazioni ci stupisce, a volte ci commuove, ci affascina ed in fondo ci rende più liberi e più aperti al mondo che ci circonda.


I primi passi sono incerti ,eppure succede che un qualcosa di misterioso e magico ci spinge ad osare ed esplorare orizzonti sempre più sconosciuti… e così improvvisamente ci ritroviamo in quel mondo meraviglioso e magico che è il teatro. Sentirsi dentro il “personaggio” farlo vivere dandogli forza e passione in una girandola di forti emozioni. Il teatro come espressione sincera e genuina che ci avvicina sempre’ più all’autenticità del proprio essere. Lo spettacolo non è un punto d’arrivo ma semplicemente la scoperta di una nuova dimensione che ci permette di intraprendere e sperimentare nuove forme e contenuti.

 

L’ALCHIMIA DEL TEATRO

L’Associazione Culturale La Volpe Bianca propone dei laboratori teatrali per adulti e ragazzi.
I laboratori proposti offrono la possibilità di scoprire il teatro in modo giocoso e fantasioso . C’è la necessità di comunicare su piani più veritieri e consoni alla propria sensibilità ed il teatro può essere uno straordinario veicolo di conoscenza personale.

Il nostro metodo di lavoro si basa, come degli alchimisti ,sull’osservare e indirizzare correttamente la creatività di ogni allievo con indicazioni appropriate al tema da sviluppare.

L’ energia che si sviluppa durante gli incontri è straordinaria… ed ogni allievo ha la possibilità di scoprire sfere personali fino ad allora sopite o sconosciute. Gli allievi sono preparati attraverso una serie di esercizi guidati a saper riconoscere e plasmare liberamente la propria energia creativa , come ad esempio nella creazione del personaggio, in questo modo aumenta la consapevolezza e la propria autostima. Privilegiamo il genere comico e tragicomico e la satira di costume perché crediamo che questi generi siano ottimi veicoli per iniziare a conoscere se stessi :Ridere ma anche soprattutto riflettere sulla propria e l’altrui condizione umana

 

Il comico secondo Emerson.

Emerson disse inoltre: «Separate qualunque oggetto, come un particolare uomo, un cavallo, una rapa, un barile di farina, un ombrello, dalla connessione delle cose, e contemplateli da soli, stando lì nell’assoluta natura, e tutt’a un tratto divengono comici; nessuna qualità utile, rispettabile, può salvarli dal ridicolo.»
Emerson offre un’occhiata sull’intrinseca comicità dell’intera nostra condizione: «Non facciamo nulla che non sia risibile ogni volta che lasciamo il nostro sentimento spontaneo. Tutti i nostri piani, le nostre amministrazioni, le nostre case, i nostri poemi, se paragonati alla saggezza e all’amore che l’uomo rappresenta, sono egualmente imperfetti e ridicoli».

Contattaci

Puoi contattarci tramite mail e ti risponderemo il prima possibile!